via Fratelli Folonari, 20 - Brescia Centralino 030.37291
cgil CGIL - Camera del Lavoro di Brescia

Infortuni, malattie professionali e morti sul lavoro in aumento

Urgente agire sull’organizzazione del lavoro e intensificare prevenzione e qualità della formazione


La recente pubblicazione dei dati annuali dell’Inail ci consente di fare alcune considerazioni sul crescente numero di infortuni e malattie professionali. Il persistere del lavoro sommerso e/o irregolare, la richieste di prestazioni sempre più pressanti su lavoratori che - pur avendo grande esperienza - hanno raggiunto un’età anagrafica che richiederebbe un meritato riposo, favoriscono il venir meno di quella attenzione attiva che è necessaria per non incorrere nell’errore umano.

La prima cosa da considerare quando si tratta il tema infortuni, malattie professionali e morti sul lavoro dovrebbe essere l’organizzazione del lavoro

Accanto alla necessità di intensificare la quantità e la qualità delle ore dedicate alla formazione obbligatoria in materia di salute e sicurezza vi è poi il tema fondamentale della prevenzione, oggi sempre più certificata sulla carta che concretamente perseguita. In un quadro in cui infortuni e malattie professionali sono oltre la soglia di attenzione, è più che mai urgente una maggiore iniziativa da parte dei diversi soggetti e dei decisori che operano all'interno degli enti preposti alle attività di prevenzione e controllo. Constatiamo invece che gli enti preposti alla vigilanza, anziché essere rinforzati come richiederebbe l'attuale situazione, sono oggetto di una riorganizzazione e di una conseguente riduzione del campo di azione, del numero degli addetti e di competenze.

Approfondimenti