sunia CGIL - Camera del Lavoro di Brescia

Case popolari, cresce la protesta

Delegazione bresciana al presidio in vista del passaggio in giunta regionale. Cardin (Sunia Cgil): "Poveri penalizzati e meno margine d'azione per i Comuni"


Cresce la protesta contro il nuovo regolamento regionale per l'accesso e assegnazione di case popolari. Giovedì è stato organizzato un presidio a Milano. I sindacati degli inquilini, a livello unitario, definiscono «discriminatoria, iniqua e sbagliata» la norma che - come spiega Simone Cardin del Sunia Cgil di Brescia - «ridefinisce i criteri di accesso all'alloggio popolare premiando la residenzialità e non il bisogno; riduce il margine di azione in deroga dei Comuni e consente l'ingresso ai privati, ammettendo così regole di mercato diverse da quelle di edilizia popolare pubblica» 

Sulla pagina Facebook Sunia-Apu Brescia alcune foto del presidio
Articolo Bresciaoggi (sabato 3 marzo, p. 9)

Approfondimenti